Bombole in composito: Caratteristiche e Vantaggi

 

BLOG

14/09/2016
 
Condividi su:
 
 

Bombole in composito: Caratteristiche e Vantaggi

Bombole in composito: Caratteristiche e Vantaggi

Cosa sono le bombole in composito, come sono fatte e quali sono i loro vantaggi? Lo scopriremo insieme in questo articolo

Che cos'è un materiale composito? Partiamo dall’etimologia: un materiale composito è un materiale costituito da più materiali semplici differenti. Le bombole in composito sono, quindi, recipienti cilindrici a parete sottile in acciaio o in alluminio avvolti in fibra di carbonio, capaci di resistere ad una pressione molto alta e, allo stesso tempo, ad essere leggerissime per il veicolo che le ospita.

In base alla struttura e ai materiali di cui sono composte, le bombole possono essere di 4 tipologie diverse:

  • Bombole di tipo CNG-1: le bombole che fanno parte di questa tipologia hanno semplicemente un corpo metallico.
  • Bombole di tipo CNG-2: ne fanno parte le bombole con corpo metallico avvolte, in maniera circonferenziale, da un rinforzo formato da una guaina composta da filamento continuo e resina.
  • Bombole di tipo CNG-3: in questo caso, invece, si tratta di bombole con corpo metallico avvolte, completamente, da un rinforzo formato da una guaina composta da filamento continuo e resina.
  • Bombole di tipo CNG-4: bombole con corpo non metallico e rinforzato da una guaina composta da un filamento continuo impregnato con resina, tutto in composito. Vediamo insieme quali sono i vantaggi delle bombole in composito.

 

(Dai un'occhiata alle nostre bombole di ultima generazione)

Bombole in composito: i vantaggi

Le bombole in composito per metano sono, come abbiamo già detto, composte da un sacchetto di Polyethylene, avvolto in fibra di carbonio per reggere meglio l'alta pressione, a sua volta rivestita di fibra di vetro per resistere anche agli urti. In Italia, le prime automobili con alimentazione a metano con bombole in composito di tipo CNG-4, e non più in acciaio, sono arrivate quasi 5 anni fa. Erano le Mercedes B 170/180 NGT, le Audi A3 g-tron e le Opel Zafira Tourer.

Ma quali sono i vantaggi delle bombole in composito? Eccoli:

  • Leggerezza: le bombole in composito possono pesare anche un terzo in meno rispetto a quelle in acciaio, riuscendo a mantenere la stessa sicurezza. Il peso minore aumenta le prestazioni del veicolo.
  • Meno consumo: appunto perché sono più leggere, queste bombole sono in grado di far risparmiare anche sul consumo di carburante e, di conseguenza, diminuiscono le emissioni inquinanti di CO2 grazie al minor peso complessivo dell’auto.
  • Resistono alla corrosione
  • Riducono la perdita di gas da permeazione
  • Manutenzione limitata: le bombole in composito, secondo la recente normativa europea ECE ONU 110, hanno un ciclo di vita che dura 20 anni e non hanno bisogno di essere sostituite dopo 4 anni come prevede la normativa italiana. Su questo punto, però, purtroppo ci si sta ancora lavorando, poiché l’Italia non ha mai preso in considerazione questa normativa e continua a tener conto della procedura di riqualificazione delle bombole ogni 4 anni.